Unpli Umbria

Rassegna stampa Unpli Umbria: Monteleone, quelli della Biga

Rassegna stampa
UNPLI UMBRIA

Monteleone, quelli della Biga
di Luigi Foglietti

27 Aprile 2010
il Messaggero

Monteleone, quelli della Biga

Oltre mezzo secolo di vita per la Pro Loco presieduta da Lino Carbonetti
Amore per la storia del territorio e tra le guide edite quella sul “pezzo pregiato”
di LUIGI FOGLIETTI

«ERA il settembre del 1964 quando Angelo Ciampini diede vita alla Pro Loco di Monteleone di Spoleto – dice l’attuale presidente Lino Carbonetti – e fin da allora il nostro sodalizio si è sempre avvalso del volontariato dei residenti e degli oriundi che vivono lontani dal borgo natio, molti a Roma, per promuovere le bellezze storico–artistiche del nostro piccolo Comune».

«Una delle prime attività della Pro Loco – racconta il presidente – fu la realizzazione dell’impianto sportivo: fu acquistata da parte dei soci d’allora “La fossa di Morettino”, l’area che divenne quello che ancora oggi è il “parco giochi della Croce”, dove i bambini giocano e si allenano d’inverno e d’estate.

«Ma anche Carbonetti gode di grande stima tanto è vero che lo possiamo definire la storia della nostra Pro Loco – dice la segretaria Manuela Giovannetti – infatti è dal 1971 che opera instancabilmente e con una passione fuori dal comune. Prima segretario, poi presidente ha sempre avuto a cuore la promozione del nostro territorio da un punto di vista principalmente storico–culturale: lo testimoniano le diverse pubblicazioni che ha curato in prima persona, scovando in ogni dove documenti e testimonianze importanti».

Tanti infatti sono i dépliants informativi stampati in varie edizioni in italiano ed in inglese per accompagnare i turisti alla scoperta delle tradizioni locali editi dalla Pro loco e tanti sono anche i libri che il presidente ha fatto pubblicare per tramandare la storia dell’antico castello come la guida storico-turistica di Monteleone di Spoleto, rinnovata nel 2009 in una nuova veste editoriale o come il volume dedicato a “La biga di Monteleone” che illustra le vicende del ritrovamento e descrive dettagliatamente il gioiello che il piccolo comune sta tanto tenacemente cercando di recuperare dal Metropolitan Museum di New York. E ancora “Pagine di storia di Monteleone di Spoleto” un insieme di scritti raccolti, collezionati dal presidente, giunta alla seconda edizione.

«Qualche anno fa è stato realizzato un interessante progetto pilota finanziato dal Bim dal titolo “Monteleone di Spoleto, le sue chiese e il suo territorio” – spiega ancora Lino Carbonetti – i destinatari erano i ragazzi della Scuola Media del Comune ed aveva la finalità di sensibilizzare i nostri giovani all’amore per la loro storia, rendendoli capaci di accompagnare i turisti per i vicoli del paese. Devo ammettere che fu un successone: i ragazzi furono entusiasti, come pure i turisti che hanno avuto la fortuna di scoprire le bellezze di Monteleone, grazie a quelle giovani guide in gamba, “spontanee e per niente noiose”, come le definì un gruppo di camperisti del Nord».

L’attuale Consiglio della Pro Monteleone è composto oltre che dal presidente dai vice Vera Reali, e Alfredo Casarelli, dalla segretaria–tesoriere Manuela Giovannetti e dai consiglieri Riccardo Bruschini, Nando Ciampini, Angelo Feliciani, Maria Assunta Giannetti, Dario Rosati. Tutti sono impegnati per la salvaguardia e la promozione della storia e delle tradizioni, che tutelano anche con l’organizzazione di sagre gastronomiche per far apprezzare i prodotti tipici.

Già in preparazione la 26^ sagra de “Gli Strascinati” e la 24^ de “Il Farro” che si terranno il 16 e 18 agosto. «Gli Strascinati hanno una loro leggenda – chiude il presidente – secondo la quale questo fu il piatto cucinato da una avvenente fantesca del Castello di Vetranola a Monteleone per saziare i fratelli Vitelli, gli invasori in aiuto al Re di Francia Carlo VIII intento allora alla conquista del reame di Napoli. Il piatto è fatto con i “penchi” (pasta acqua e farina) condita con uova, salsicce, guanciale, pepe e pecorino gustosissimo. Ma anche il farro di Monteleone di Spoleto, grazie alla sagra, è divenuto un prodotto dop».

——————————————————————————————————–

(C) tutti i diritti sono riservati alla testata giornalistica che ha pubblicato l’articolo

Rassegna Stampa  UNPLI UMBRIA

www.prolocoumbria.it prolocoumbria@tiscali.it

Iscriviti alla Newsletter

Archivi