Unpli Umbria

SCADENZA al 30-04-2012 dello spesometro

Riceviamo da Giannarelli Mauro Responsabile del Dipartimento Legislatvo Unpli i seguenti messaggi:

Ai sig.ri  Dirigenti Nazionali, Regionali,  e Segreterie Regionali Unpli

confermando quanto già segnalato con precedente mia comunicazione del 26 gennaio per gli allegati inerenti lo spesometro, ( se ne avete bisogno chiedeteli )

Vi Ricordo che il 30 aprile scade il termine per presentare il cosiddetto “spesometro” che riguarda anche TUTTE le Associazioni non profit e quindi anche le pro loco ( anche quelle in regime di 398) relativamente alle singole  fatture emesse o ricevute nel 2011 con importo imponibile ai fini iva  (  compreso quelle escluse dall’applicazione dell’Iva ) uguale o superiore i 3.000 euro.

Ricordo che se relativamente ad una fattura è stata fatta una nota di credito ( o più note di credito), occorre considerare per verificare se si superano o meno i 2.999,99 euro l’importo  risultante dallo storno dell’importo netto della nota/note  di credito dal netto della fattura.


Non credo che ci siano pro loco interessate al limite di 3.000 che riguarda i “corrispettivi”  a fronte di una singola operazione di vendita ad una singola persona ( es. vendita anello con diamante per un importo >= a 3.000 euro).

Gli unici corrispettivo che in genere trattano le pro loco sono quelli derivanti dalle “sagre”, e non credo che una singola persona consumi più di 3.000 euro.

Il Decreto sulle semplificazioni fiscali ha eliminato per il futuro il limite di 3.000 ( a partire dalle dalle fatture emesse/ricevute nel 2012) che resta per i soli corrispettivi.
Il prossimo anno dovranno essere comunicate TUTTE le fatture emesse/ricevute nel 2012, a prescindere dall’importo imponibile.

Ricordo che la comunicazione deve essere effettuata esclusivamente per via telematica. E’ possibile scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate un apposito programma, ma suggerisco di avvalersi di chi già effettua i versamenti iva trimestrali e la dichiarazione dei redditi.

Le pro loco ( e altre organizzazioni Unpli con partita Iva, compreso Unpli Nazionale e Unpli Servizi ) devono rintracciare tutte le fatture emesse o ricevute con importo imponibile maggiore o uguale a 3.000 euro, e rivolgersi al commercialista/ragioniere che fa loro la dichiarazione dei redditi  i versamenti iva.

Ricordo che per gli Enti non Commerciali solo le operazioni effettuate nell’esercizio di attività commerciali rientrano nello spesometro, e non le entrate istituzionali.

NOTA BENE:  Si trovano alcune comunicazioni nel web che sostengono che sono escluse dallo Spesometro le associazioni in regime di 398.

A parer mio non è prevista alcuna esclusione, se non l’unica prevista nella circolare 24E del 2011 inerente una particolare categoria ovvero chi avendone le caratteristiche ha optato per il regime fiscale dei cosiddetti “contribuenti minori”  che si avvalgono del regime di cui all’art. 1, commi da 96 a 116, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Anche questi però con alcune limitazioni alla validità dell’esclusione.

Sanzioni per omessa presentazione: da 258,00 euro a 2.065,00 euro.

Mauro Giannarelli

Ai sig.ri  Dirigenti Nazionali, Regionali,  e Segreterie Regionali Unpli

Allego comunicazione sui pagamenti in contanti e note sullo spesometro

Con preghiera di trasmettere alla vostra Segreteria Regionale se non in indirizzo

Si precisa che mentre lo “spesometro” per i dati 2010 ( scade il 31.01.2012)   prevedeva singole operazioni interessanti il campo iva di imponibile maggiore di 25.000, per cui interessava probabilmente pochissime pro loco, per i dati 2011 la soglia scende a 3.000 euro, per cui sicuramente aumenta il numero di pro  loco interessate. Scadenza:  30 aprile 2012.

cordiali saluti

Mauro Giannarelli

Dipartimento Legislatvo Unpli

Segreteria UNPLI UMBRIA

Iscriviti alla Newsletter

Archivi